MioDottore Awards 2018: arrivano in Italia i premi che celebrano i medici più apprezzati da colleghi professionisti e pazienti

MioDottore Awards 2018: arrivano in Italia i premi che celebrano i medici più apprezzati da colleghi professionisti e pazienti

Published

Dopo il grande successo dei Doctoralia Awards in Spagna, Messico, Argentina e Cile, parte la sfida tra 269 esperti italiani per aggiudicarsi il riconoscimento di più apprezzati nella propria categoria di specializzazione. Quasi un terzo degli esperti in gara è donna e un altro 34% viene dal Lazio. 

Forte del successo dei Doctoralia Awards, i famosi premi nel settore della salute che hanno coinvolto negli scorsi anni diverse migliaia di specialisti tra Spagna, Messico, Argentina e Cile, MioDottore – la piattaforma leader al mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo Docplanner – lancia quest’anno anche in Italia i MioDottore Awards, con l’obiettivo di valorizzare e riconoscere la qualità dell’operato dei propri specialisti affiliati dello Stivale.  
Il premio è l’unico nel suo genere che celebra la professionalità, la passione e la dedizione degli esperti della salute combinando i giudizi sia di pazienti sia di medici colleghi con la stessa specializzazione. L’edizione italiana si prospetta fin da subito un’occasione speciale per dar voce alle moltissime eccellenze in campo sanitario che costellano il Bel Paese: lo dimostra il fatto che la lista di nominati che accedono alla fase di voto conta ben 269 medici appartenenti a 19 specializzazioni, che includono andrologi e urologi, cardiologi, chirurghi generali e proctologi, chirurghi plastici, dentisti e ortodontisti, dermatologi, endocrinologi, epatologi e gastroenterologi, fisioterapisti, ginecologi, medici estetici, neurochirurghi, neurologi, oculisti, ortopedici, otorini, pediatri, psichiatri e infine psicologi.
Più di un terzo dei medici nominati in Italia proviene dal Lazio (34%) e le specializzazioni più rappresentate in questa regione sono legate alla cura delle patologie dell’apparato locomotorio, con ortopedici, osteopati e fisioterapisti che insieme raggiungono il 15%. Seguono Lombardia e Campania, entrambe che annoverano quasi il 14% di dottori in lizza per i MioDottore Awards. Simili le specializazzioni più diffuse tra i nominati di queste due regioni: infatti, entrambe vantano medici in gara nel settore ginecologico - andrologico, rispettivamente il 16,2% per la Campania e il 13,5% per la Lombardia. La prima edizione dei MioDottore Awards vede le specialiste donne ben rappresentate tra le eccellenze in gara, con quasi un terzo (circa il 30%) dei medici nominati, e una spiccata provenienza principalmente da Lazio (quasi 29%), Lombardia (18%) ed Emilia Romagna (13%).

Oggi i medici sono chiamati non solo ad essere professionisti validi ma anche a tenersi al passo con i tempi e il nostro obiettivo con i MioDottore Awards è di valorizzare e dare voce ai molteplici esempi di vere eccellenze in campo medico che caratterizzano il nostro Paese, professionisti che hanno compreso l’importanza di Internet per l’evoluzione della propria professione e che trovano in MioDottore la piattaforma ideale per realizzare questo cambio di passo verso il futuro e per essere ancora più vicini ai pazienti

Luca Puccioni - CEO di MioDottore

Nella prima fase dell’iniziativa, che si è conclusa con l’identificazione dei nominati, è stato il parere dei pazienti a farla da padrone: infatti, i candidati ai MioDottore Awards vengono designati in base al numero e alla qualità dei giudizi in termini di puntualità, attenzione ricevuta e qualità dello studio medico. In particolare, almeno tre opinioni positive nell’ultimo anno e cinque totali raccolte dagli esperti sul proprio profilo. Si apre successivamente la fase di voto, in corso per il mese di maggio,  durante la quale saranno i professionisti appartenenti alle categorie di specializzazione in lizza a giudicare i colleghi nominati secondo elementi quali professionalità, esperienza e curriculum professionale, forti delle competenze proprie di un medico professionista. Conclusa la fase di voto, la selezione finale dei vincitori, che avverrà nel mese di giugno, terrà conto del numero totale di opinioni positive raccolte tra gli utenti, dei giudizi dei colleghi di specializzazione e del contributo dello specialista alla risoluzione di dubbi o domande all’interno della sezione "Chiedi al Dottore".
I Doctoralia Awards sono nati nel 2014, con il lancio dell’iniziativa in Spagna e Messico. Il contest si è successivamente esteso all’Argentina e lo scorso anno al Cile, registrando grande successo fin dal suo esordio: finora sono stati oltre 3.066 gli specialisti nominati nelle varie edizioni, con una partecipazione crescente di anno in anno, sia in termini numerici sia in termini di varietà di specializzazioni.

Copy as a Plain Text

Share

Related Stories
Estate 2018: secondo MioDottore il 57% degli italiani alla ricerca di tecniche per superare la prova costume opta per interventi chirurgici

ago

La piattaforma ha analizzato i propri dati per indagare la predisposizione e l’interesse degli utenti dello Stivale verso ”ritocchi” più o meno invasivi pur di sfoderare un aspetto migliore in spiaggia.
MioDottore Awards 2018: svelati i 19 medici vincitori, sono loro i più apprezzati da colleghi professionisti e pazienti

ago

Quasi un terzo dei riconoscimenti è andato a specialiste donne (32%), provenienti da Roma, Milano, Varese e Santarcangelo di Romagna;                                                  Quasi metà dei medici premiati proviene dal Lazio (42%) e in particolare l'87% di loro da Roma;                                            Sul podio delle regioni con il più alto numero di premi ci sono anche Lombardia e Piemonte, rispettivamente con 4 e 3 eccellenze mediche.
Il Dottore dei sogni degli italiani? Un’indagine di MioDottore ne svela il profilo

ago

 Il Dott. Lele Martini e la Dott.ssa Meredith Grey in cima ai desideri degli italiani;                                                                  Per il 70% dei pazienti maschi il medico ideale è uomo, contro solo la metà delle pazienti donne (51%);                   Nel Bel Paese il dottore dei sogni è di mezza età, simpatico e tecnologico;                                                                                 In futuro per contattare il medico oltre metà dei pazienti (56%) sogna di continuare a telefonargli, ma anche di usare WhatsApp (39%) e prenotare direttamente online (33%).
Dipendenza da smartphone? I consigli di MioDottore per trovare il giusto equilibrio

ago

Grazie a uno dei suoi specialisti, la piattaforma, ha fatto luce su opportunità e rischi di una vita sempre “connessa”