Il Dottore dei sogni degli italiani? Un’indagine di MioDottore ne svela il profilo

Il Dottore dei sogni degli italiani? Un’indagine di MioDottore ne svela il profilo

Published

 Il Dott. Lele Martini e la Dott.ssa Meredith Grey in cima ai desideri degli italiani;                                                                  Per il 70% dei pazienti maschi il medico ideale è uomo, contro solo la metà delle pazienti donne (51%);                   Nel Bel Paese il dottore dei sogni è di mezza età, simpatico e tecnologico;                                                                                 In futuro per contattare il medico oltre metà dei pazienti (56%) sogna di continuare a telefonargli, ma anche di usare WhatsApp (39%) e prenotare direttamente online (33%).

Il medico è da sempre una figura chiave nella vita delle persone: confidente e depositario dei più intimi segreti, ma soprattuto importante punto di riferimento in caso di bisogno per quanto riguarda la propria salute. Ma come dovrebbe essere oggi secondo gli italiani il dottore ideale? Per scoprirlo MioDottore – piattaforma leader al mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner – lo ha chiesto ai pazienti del Bel Paese, che curiosamente ne hanno delineato tratti anagrafici, comportamentali e stilato la classifica dei metodi comunicazione medico-paziente preferiti per il futuro.
Il Dott. Lele Martini e la Dott.ssa Meredith Grey: le due icone mediche degli italiani
Di fronte alla possibilità di poter scegliere il dottore dei sogni tra i famosi medici della TV, il Dott. Lele Martini – volto storico della serie italiana Un medico in famiglia – mette d’accordo gli italiani, raccogliendo il 20% dei consensi, davanti ad altri due beniamini del piccolo schermo: Gregory House (meglio conosciuto come di Dr. House) e Derek Shepherd (Grey’s Anatomy), entrambi al 16%. La Dott.ssa Meredith Grey (personaggio che dà il nome alla serie Grey’s Anatomy), invece, è eletta da oltre un terzo degli italiani (35%) dottoressa ideale, sorpassando di gran lunga l’indimenticabile italiana Dott.ssa Giò (13%) e la “collega” Addison Montgomery (11%).
Il profilo del dottore ideale: uomo, di mezza età, simpatico e tecnologico
L’indagine condotta da MioDottore svela anche le caratteristiche anagrafiche e comportamentali del dottore dei sogni degli italiani. Sebbene l’82% dichiari non non sentirsi a disagio a parlare dei propri problemi con un medico di bell’aspetto o particolarmente attraente, è curioso notare che il professionista ideale non è del sesso opposto: oltre la metà dei pazienti del Bel Paese (56%) preferisce affidarsi alle cure di un uomo, percentuale che raggiunge addirittura il 70% se si guarda alle preferenze maschili, mentre scende sotto la media nazionale se si guarda all’opinione delle donne (solo 51%).
Anche l’età del medico non sembra essere un elemento importante al momento della visita (58%), anche se oltre tre italiani su quattro (76%) vorrebbero un dottore di mezza età (45-50 anni), di esperienza ma allo stesso tempo dotato di vigore ed entusiasmo nell’esercizio della professione. Inoltre, il medico dei sogni dovrebbe essere simpatico e cordiale, capace di sdrammatizzare ansie e capace di comunicare in maniera empatica (72%), caratteristica preferita rispetto a un approccio molto serio e analitico nell’affrontare qualsiasi situazione e spiegazione (28%).
Infine, i pazienti italiani reclamano a gran voce (76%) un dottore tecnologico, capace di utilizzare con abilità le ultime tecnologie nell’esercizio della sua professione, sia per la gestione della sua agenda e del rapporto con il paziente, sia per la cura.
Rapporto medico-paziente: com’è oggi e come gli italiani lo sognano domani
Il modo in cui si può raggiungere il proprio dottore o la varietà di strumenti a disposizione per gestire i contatti in caso di bisogno rappresenta un elemento centrale nel rapporto medico-paziente, recentemente rivoluzionato dall’avvento della tecnologia. Oggi, lo strumento principe utilizzato dagli italiani per contattare il medico è il telefono - utilizzato da oltre la metà dei pazienti (51%) - anche se ancora più di un terzo (38%) si precipita direttamente in studio al sorgere di un problema. Molto meno diffusi l’utilizzo di piattaforme di messaggistica come WhatsApp (28%), email (21%), sms (12%) o la scelta di piattaforme di prenotazione online (15%).
Ma cosa vorrebbero i pazienti italiani per il futuro? La possibilità di parlare e chiarire i propri dubbi direttamente con lo specialista rimane una priorità, come dimostra la conferma del primato del telefono (56%, addirittura cresciuto di 5 punti percentuali), seguito da strumenti all’insegna dell’immediatezza come le piattaforme di messaggistica (39%, con una crescita di 11 punti % rispetto alla situazione attuale) e dalla prenotazione diretta sul web tramite piattaforme online (33%, ben 18 punti % in più).

Ci siamo divertiti a indagare le fantasie degli italiani sul dottore dei loro sogni, ma per noi è fondamentale capire cosa davvero conti per i pazienti quando si tratta di scegliere uno specialista e affidarsi alle sue cure nel tempo”.
“L’entusiasmo delle risposte ricevute è fantastico e quanto è emerso è indice che il web e MioDottore rappresentano la risposta ideale alle esigenze dei pazienti, già oggi ma anche in futuro, sia che si tratti di trovare l’esperto che si sta cercando in tutta semplicità e trasparenza – grazie alla ricerca geo localizzata, alla visibilità dell’agenda e dei costi delle prestazioni dei singoli medici, nonché alle considerazioni espresse all’interno delle recensioni – prenotare una visita oppure chiedere un consulto online a un vero professionista, attraverso la sezione Chiedi al dottore”.

Luca Puccioni - Country Manager di MioDottore

Copy as a Plain Text

Share

Related Stories
Estate 2018: secondo MioDottore il 57% degli italiani alla ricerca di tecniche per superare la prova costume opta per interventi chirurgici

ago

La piattaforma ha analizzato i propri dati per indagare la predisposizione e l’interesse degli utenti dello Stivale verso ”ritocchi” più o meno invasivi pur di sfoderare un aspetto migliore in spiaggia.
MioDottore Awards 2018: svelati i 19 medici vincitori, sono loro i più apprezzati da colleghi professionisti e pazienti

ago

Quasi un terzo dei riconoscimenti è andato a specialiste donne (32%), provenienti da Roma, Milano, Varese e Santarcangelo di Romagna;                                                  Quasi metà dei medici premiati proviene dal Lazio (42%) e in particolare l'87% di loro da Roma;                                            Sul podio delle regioni con il più alto numero di premi ci sono anche Lombardia e Piemonte, rispettivamente con 4 e 3 eccellenze mediche.
MioDottore Awards 2018: arrivano in Italia i premi che celebrano i medici più apprezzati da colleghi professionisti e pazienti

ago

Dopo il grande successo dei Doctoralia Awards in Spagna, Messico, Argentina e Cile, parte la sfida tra 269 esperti italiani per aggiudicarsi il riconoscimento di più apprezzati nella propria categoria di specializzazione. Quasi un terzo degli esperti in gara è donna e un altro 34% viene dal Lazio. 
Dipendenza da smartphone? I consigli di MioDottore per trovare il giusto equilibrio

ago

Grazie a uno dei suoi specialisti, la piattaforma, ha fatto luce su opportunità e rischi di una vita sempre “connessa”